Nove anteprime mondiali, tre anteprime europee, 28 anteprime italiane: sono i numeri della quinta edizione di Working Title Film Festival, il festival del cinema del lavoro che si svolgerà dal 1° al 15 ottobre interamente online. I 59 film in concorso – mai così tanti – selezionati dalla direttrice artistica Marina Resta rappresentano un viaggio attorno al mondo del lavoro che cambia, facendo tappa in 40 Paesi, di cui 18 in Europa, 12 in Asia, 6 in Africa e 4 nelle Americhe. E se il cinema del lavoro fa il “giro del mondo”, anche il pubblico è globale: per 15 giorni i film si potranno vedere da tutto il mondo, sottotitolati in italiano e in inglese, sottoscrivendo un abbonamento. La piattaforma web di WTFF5 sarà svelata a metà settembre insieme al programma completo del festival.

Le sezioni di concorso

Il festival dà spazio al racconto del lavoro attraverso il cinema indipendente e sguardi contemporanei, senza distinzione di generi. Cinema della realtà, film di finzione, animazione, film saggio, mockumentary convivono nelle quattro sezioni in cui è organizzato il concorso internazionale. La sezione Lunghi conta 14 film di durata uguale o maggiore di 40 minuti. In concorso nella sezione Corti+ ci sono 16 film di durata compresa tra 20 e 40 minuti. Nei Corti trovano posto 18 cortometraggi al di sotto dei 20 minuti di durata. Infine Extraworks dà spazio a film sperimentali, ibridi e alla video arte, con 11 opere senza limiti di durata.

https://www.workingtitlefilmfestival.it