Manca poco all’inizio del Festival di Venezia 2019, la rinomata kermesse cinematografica che si terrà dal 28 agosto al 7 settembre. Tra le pellicole più prestigiose che saranno presenti al festival possiamo trovare quattro pellicole hollywoodiane. Tra queste conviene è d’obbligo nominare subito “Ad Astra”, l’ultimo lavoro con protagonista il famosissimo Brad Pitt. Il film diretto da James Gray, verrà trasmesso in anteprima a Venezia, e racconterà le vicende di un astronauta (Brad Pitt), che vuole ritrovare il padre scomparso durante una missione extra terrestre fallita. Un cast di assoluto livello che oltre a Brad Pitt comprende Liv Tyler, Donald Sutherland e Tommy Lee Jones. Gli altri tre film a stelle e strisce che il direttore del festival veneziano, Alberto Barbera, ha voluto presentare in anteprima, saranno “Marriage Story”, con Scarlett Johansson e Adam Driver, l’atteso film sulle origini del cattivissimo della Dc, Joker, interpretato per la prima volta da Joaquin Phoenix. Infine, spazio a “The Laundromat” di Steven Soderbergh, con Meryl Streep e Gary Oldman.

Sono tre i film in corsa per l’Italia:
“Martin Eden” di Pietro Marcello con Luca Marinelli; “La Mafia non è più quella di una volta” di Franco Maresco e “Il sindaco di Rione Sanità” di Mario Martone.

All’interno del concorso il tema del femminile compare in più di un film. È il caso di “The Perfect Candidate” di Haifa Al-Mansour, prima regista donna dell’Arabia Saudita, con la storia di una giovane donna con ambizioni politiche; c’è poi “Ema” di Pablo Larrain con Bernal nei panni di un coreografo di una compagnia di danza e Mariana Di Girolamo la moglie, in quelli di un’insegnante scolastica e, infine, “Marriage Story” di Noah Baumbach con Scarlett Johansson e Adam Driver, coppia problematica di genitori alle prese con il divorzio tra New York e Los Angeles.

Ricchissima anche la selezione fuori concorso venezia e la sezione collaterale Orizzonti. Sul fronte italiano e televisivo c’è grande attesa per le anteprime delle serie “Zerozerozero” di Stefano Sollima (da un’idea di Roberto Saviano) e “The New Pope” di Paolo Sorretino, giunto alla seconda stagione. Attesa e curiosità anche per il documentario su Chiara Ferragni “Unposted” e per “The King” di David Michôd, il film fuori concorso che vede tra i protagonisti Timothée Chalamet.

Non mancano, tra le altre sezioni del festival, anche film di registi veneti. Primi tra questi “Effetto Domino” di Alessandro Rossetto (concorre nella sezione Sconfini) e “Il Pianeta in Mare” di Andrea Segre (film fuori concorso, sezione Non Fiction).