A sostegno di quanto l’immagine legata al cinema possa essere un richiamo per i viaggiatori, la Basilicata ha istituito una vera e propria sezione, la Basilicata Movie Tourism, in cui è offerta un’azione turistica forte prendendo spunto dai luoghi di, tra gli altri, “Il Vangelo secondo Matteo”di Pier Paolo Pasolini, “The Passion” di Mel Gibson e “Basilicata Coast to Coast” di Rocco Papaleo. Alla forza attrattiva del brand “Matera 2019” – Capitale Europea della Cultura – si aggiunge la visibilità e la curiosità della visita di alcuni luoghi caratteristici, familiari ai turisti anche tramite il cinema. Il progetto è suddiviso in quattro fasi: Analisi delle best practices sul cineturismo a livello internazionale; Progettazione e realizzazione di itinerari/percorsi sul cinema; Promozione, Commercializzazione e Marketing; e Coinvolgimento territorio ed operatori. Accanto a chi si sta muovendo ora per sviluppare le opportunità offerte dal cineturismo, come la Basilicata, ci sono realtà che portano avanti da tempo questa missione, come la Apulia Film Commission. L’organo regionale dedicato al cinema in Puglia ha pubblicato una guida contenente dieci itinerari cineturistici, “Effetto Puglia”, che segnala i luoghi di “Mine vaganti” di Ozpetek che tanto hanno affascinato gli spettatori del Tribeca Film Festival, passando poi per il Gargano, scenario del lungometraggio di successo di Bollywood “Housefull” di Khan, per finire nei trulli di “Che bella giornata” di Nunziante. Un libro che diventa uno strumento utile per chi ha scelto le terre pugliesi per le proprie vacanze dopo aver colto un assaggio delle sue meraviglie tramite i film. Un’altra regione che ha puntato molto sulle potenzialità del cineturismo è il Piemonte. Il Castello di Agliè è stato a lungo una meta molto amata dopo essere diventata l’ambientazione per la serie televisiva “Elisa di Rivombrosa”, mentre il Museo Nazionale del Cinema di Torino, l’Associazione Museo Nazionale del Cinema e izi.TRAVEL hanno promosso Torino Città del Cinema, un’app per smartphone che segnala 20 location cinematografiche cittadine per 24 film, con un’audioguida italiane o inglesi disponibili online o con la possibilità di scaricare i contenuti.

 

Seconda parte