Si è conclusa la terza edizione del premio Luciano Vincenzoni, promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Treviso, in collaborazione con Treviso Film Commission e il Cineforum Labirinto, rivolto a giovani soggettisti. Quest’anno i partecipanti sono stati 92 e il concorso si divideva in due parti: tema libero, in cui si lasciava ampio spazio alla fantasia degli scrittori, e “Una storia veneta”, dedicato a Feliciano Amadio, impreditore che ha promosso il cinema a Treviso. In questa sezione si è distinto il mestrino Gianni Pigato grazie a “La serenissima rivolta”, studente del Master in Sceneggiatura Carlo Mazzacurati dell’Università di Padova. Sono altri due gli alunni del master patavino rientrati nella quindicina delle migliori opere nella sezione a tema libero: Diego Pelizza, terzo classificato con “La fine dell’estate” e Francesco Alino Guerra con “Nina”. Da segnalare anche “Fuori fuoco”, firmato a quattro mani dalla padovana Maddalena Montecchio e dalla novarese Bianca Pizzimenti.

Congratulazioni a tutti!