E’ stato battuto oggi in Prato della Valle a Padova il primo ciak de L’ordine delle cose, il terzo lungometraggio di Andrea Segre con cui il regista padovano torna a parlare di migranti. Paolo Pierobon interpreta Corrado, un poliziotto di una task force impegnata a bloccare i flussi di clandestini, che durante una missione in Libia si trova davanti ad un bivio. In un centro migranti conosce infatti Swada, una donna somala che sta tentando di ricongiungersi con il marito rifugiato in Finlandia. L’incontro lo porterà a dover scegliere tra lo svolgere il proprio dovere e favorire la propria carriera o salvare la vita della donna.

 

Coprodotto con la Francia dalla padovana Jolefilm, L’ordine delle cose inizia la lavorazione con una settimana di riprese a Padova, prima di spostarsi a Roma. Di qui la troupe si trasferirà in Sicilia per tre settimane e concluderà lo shooting in Tunisia. Nel cast, oltre a Pierobon, figurano anche Giuseppe Battiston, alla terza collaborazione con Segre, e Valentina Carnelutti.